Disabili nel 2000

PECHINO – Dieci persone sono state arrestate a Jieshou, nella provincia cinese dell’Anhui, per aver sequestrato e maltrattato 32 disabili costringendoli a lavorare gratis in una fornace per mattoni. Tra gli arrestati, afferma l’ agenzia Nuova Cina, c’ è il proprietario della fornace.

“Sono tutte persone con problemi mentali e hanno dai 25 ai 45 anni di età, alcuni di loro non sono stati capaci di dirci da dove vengono”, ha dichiarato un portavoce della polizia locale. I malcapitati erano costretti a lavorare senza essere pagati con turni di 10 ore, e alcuni di loro portavano i segni di percosse. Quelli che sono stati in grado di indicare la loro residenza vi sono stati accompagnati, gli altri sono stati alloggiati in un albergo in attesa che le famiglie li vadano a prendere, ha aggiunto il portavoce.

Il proprietario, di nome Zhang, ha sostenuto che i disabili gli venivano portati da un tassista che li trovava mentre vagabondavano senza meta. Per ognuno di loro Zhang avrebbe pagato al tassista cento yuan, cioé poco più di dieci euro. Nel 2007, oltre mille disabili furono scoperti mentre lavoravano in condizioni di semischiavitù in fornaci per mattoni e miniere di carbone nelle province dello Shanxi e dell’ Henan.

Da Ansa

«Vuole sapere come funziona l’inserimento sociale dei disabili in Italia? Male grazie». Pietro Barbieri è presidente della Fish, la Federazione italiana superamento handicap: 34 associazioni nazionali che si prendono cura di epilettici, cerebrolesi, Down, autistici. E di tutti quei figli di un dio minore nascosti fino a pochi anni fa dietro le mura domestiche. Segregati. Per vergogna, ignoranza, cattiveria. Per la paura di vedere in loro lo specchio di noi stessi. «Persone non rassegnate, impegnate a esprimere una speranza attiva realizzando al meglio sé grazie a una splendida rete di solidarietà», ha detto di loro il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel messaggio di fine anno. Una popolazione che ancora sfugge ai censimenti ufficiali. L’Istat ne conta 2 milioni 609 mila, il 4,8% della popolazione di 6 anni e più che vive in famiglia (una su dieci ha un disabile in casa). Ma è una stima per difetto. L’Oms calcola che il 10% della popolazione ha disabilità più o meno gravi. Del resto, e la fonte è il sito disabilitaincifre.it patrocinato dal ministero della Solidarietà e dal-l’Istat, nel 2004 i beneficiari di pensioni di invalidità di ogni tipo sono stati oltre 4,8 milioni, per una spesa pubblica di 52,2 milioni di euro.

ROMA – Mafioso e handicappato sono ritenuti dagli italiani gli insulti più gravi, più pesanti di nazista e terrorista. Così come essere definito negro o fascista è decisamente peggio che essere chiamato barbone o comunista. Sono alcuni dei risultati di un sondaggio lanciato sul sito del del mensile Focus e al quale hanno partecipato 2.615 italiani di ogni età, provenienza e livello di istruzione.

Ciascun partecipante era invitato ad assegnare un punteggio da 0 (per niente volgare/offensivo) a 3 (estremamente volgare/offensivo) a 152 parolacce: un modo per capire come il linguaggio sia in grado di rispecchiare i mutamenti sociali e i tabù. Ne è un esempio la parola handicappato, un tempo assolutamente neutrale per definire una determinata categoria di individui, ma oggi considerata insulto grave, seconda solo alle bestemmie e ad altre espressioni riguardanti la sfera sessuale. Allo stesso livello si collocano accuse come mafioso, ladro e infame, mentre poco più sotto, ma sempre nel gruppo delle parole ad elevato livello di offesa, troviamo nazista e terrorista, affiancate da una serie di termini che definiscono in modo spregiativo l’omosessualità maschile (ad esempio frocio).

Dare a qualcuno del terrone o del muso giallo poi non è certo un’attestazione di stima, ma è considerato meno grave che sentirsi definire negro o zingaro. In generale, gli insulti giudicati meno pesanti risultano quelli legati a discriminazioni di classe pezzente, barbone, proletario, e quelli religiosi come talebano o bigotto. Infine, il sondaggio rileva che dal confronto tra i termini fascista e comunista, si evince come il primo è considerato decisamente più offensivo del secondo.

Il blog nasce dall’esigenza di condividere e insieme esplorare il mondo del diversamente abile.

Spero di aggiornarlo frequentemente con notizie utili.

Buona navigazione.

Calendario

settembre: 2020
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930